Roma, Via Clelia Bertini Attilj 34D
+39 06 86895845
info@coworktalenti.it

Quantificare la serendipità

QUANTIFICARE LA SERENDIPITÀ

Pubblicato il 21/01/2016

Il termine serendipità è un neologismo, di origine inglese, che indica la fortuna di fare felici scoperte per puro caso e, anche, il trovare una cosa non cercata e imprevista mentre se ne stava cercando un’altra. In questo articolo di Melissa Mesku sul New Worker Magazine, tradotto fedelmente in italiano, si tratta appunto del fenomeno della serendipità e di come questo sia strettamente connesso al Coworking.

Il Coworking è stato a lungo acclamato come un modo per “accelerare serendipità”. Un gran numero di leader di spazi coworking ne hanno scritto; molte pubblicazioni di business lo hanno preso come oggetto; a Salamanca, in Spagna, vi è uno spazio coworking che prende il nome da questo fenomeno; c’è anche un franchising di coworking statunitense chiamato Serendipity Labs.

Essenzialmente, la serendipità è quando ci si imbatte casualmente in qualcosa di grandioso, in particolare dove non si stava cercando. E ‘un po’ come avere un colpo di fortuna: per essere tale, deve essere una buona cosa e non deve essere pianificato. “Casualità fortunata” è una traduzione approssimativa per questo concetto poco chiaro, di cui la maggior parte delle lingue non ha una parola adatta per esprimerlo.

Il New York Times ha recentemente pubblicato un articolo, “Coltivare l’arte di serendipità.”. In esso, l’autrice Pagan Kennedy chiede ulteriori ricerche sull’argomento in questione, forse anche per un nuovo campo interdisciplinare per “aiutarci a creare una tassonomia di scoperte … [e ] organizzare lo studio di serendipità”. L’autrice ha ragione: per tutto ciò che è stato detto in merito alla serendipità, anche nel contesto del coworking e del business, si è poco verso una comprensione sistematica di come funziona e di come potrebbe essere quantificata.

Il business in particolare, farebbe bene a prenderci confidenza. Se ci fossero stati degli studi di questo fenomeno, avremmo probabilmente scoperto che la serendipità è responsabile per, oh, forse per un cento per cento dell’innovazione, scoperte rivoluzionarie, intuizioni della variabilità del gioco e di altri esiti desiderabili che ancora non sono prevedibili. (Non è forse quello che i patiti della tecnologia nella Silicon Valley sperano di trovare quando portano l’acido sul posto di lavoro?). La serendipità svolge un ruolo significativo che diventerà sempre più evidente al mondo delle imprese a breve, a tal punto che ci si può aspettare un gran numero di tentativi di società maldestre di istituzionalizzare questo vario e delicato fenomeno. Nel frattempo, i più all’avanguardia stanno cominciando ad articolare come avvenga la serendipità e ad esplorare come creare ambienti che la disciplinino.

La coworking leader Angel Kwiatkowski, in un articolo sul sito Deskmag, ha discusso del libro “La macchina la macchina della serendipità: un dirompente modello di business per la Società 3.0” di Sebastian Olma. In esso, la Kwiatkowski riferisce che l’autore spiega come “le aziende possono alterare la loro cultura per diventare ‘macchine’ di serendipità, luoghi dove questi preziosi incontri casuali non hanno altra scelta che prendere posto. In sostanza”, ha continuato “sta insegnando alle aziende come diventare più simili agli spazi di coworking.”. Sarebbe un degno sforzo se le istituzioni traessero profitto dal percorso che il coworking ha tracciato. Kwiatkowski ha continuato, “il Coworking è la corsia preferenziale per la serendipità”, e raccomanda quanto segue: “se non si dispone di una grande azienda, o se si vuole dare a questo trend una possibilità prima di iniziare la trasformazione in una ‘macchina di serendipità’, lasciate che i vostri dipendenti collaborino per un giorno o due volte a settimana. Abbiamo tutta la serendipità cui avete bisogno”.

Questo è qualcosa che le persone che lavorano in un coworking sanno bene, e qualcosa che può essere faticosamente difficile da spiegare agli altri. Se gli spazi coworking sono davvero pieni di possibilità di serendipità, a che cosa è veramente simile? Odierei dover saltare una buona occasione per “mostrare, e non raccontare” ma io, come molte persone che hanno speso anni a lavorare in uno spazio di coworking autentico, sono troppo carica di esempi per sapere anche da dove cominciare. Il mio primo cliente freelance? L’ho trovato presso il mio spazio coworking. I primi soldi che la mia azienda ha guadagnato attraverso il marketing dei contenuti? Raggiunto presso il mio spazio coworking. La sensazione che finalmente sono in cammino per far funzionare la mia vita? Di nuovo grazie al coworking.

E ‘anche questo il modo di quantificarlo? La serendipità è giustamente quantificata secondo i risultati? Potrei, per esempio, lavorare in isolamento a casa, fare un corso on-line e cavarmela con buoni risultati, ma non è la stessa cosa. La serendipità è in maggior parte ottenere un risultato positivo, ma è anche fondamentale il processo. O meglio, serendipità significa conseguire un risultato positivo senza alcun processo. La sua natura imprevedibile conferisce una qualità quasi magica. E ‘questo aspetto accidentale che rende la serendipità quel che è. L’obiettivo non può essere basato solo sul risultato; una visione orientata sui risultati è di natura economica, transazionale e ignora gli effetti a catena che crea la serendipità. I risultati della serendipità sono più come un premio aggiuntivo in cima a ciò che è già gratificante: l’amicizia, la conversazione, il collegamento. Il risultato è solo la ciliegina sulla torta.

Per spiegare con precisione il modo in cui ho vissuto la serendipità tramite il coworking, dovrei includere le molteplici e piacevoli esperienze che vengono fuori con la scoperta di come solo la cosa giusta all’improvviso sa fare. Quindi, per favore permettetemi di ripetere ancora una volta: il mio primo cliente freelance – l’ho ottenuto grazie al mio spazio coworking. Ma non è l’intera storia. La storia completa è che non mi era mai nemmeno venuto in mente di provare a fare il freelance, poi un giorno un mio amico dello spazio coworking si lamentava di un cliente che non voleva deludere, ma che non era in grado di aiutare, e parlando ci siamo resi conto che io avevo le competenze adatte per seguire il cliente sul posto. Ha mandato una mail di raccomandazione per me e nel giro di dieci minuti ho avuto il mio primo cliente in quella che divenne in seguito una carriera in piena regola.

Ancora una volta, se quantificassimo questo fenomeno rigorosamente dai miei stessi risultati, lo staremmo facendo secondo il fatto che ho guadagnato un cliente ($) e deviato per un altro percorso lavorativo ($ +). Ma il più grande risultato è l’intangibile e incommensurabile sensazione che ho avuto di essere: (1) grata per aver stretto amicizia con questa persona in particolare, (2) aver testato che il mio amico si fidava molto di me, (3) orgogliosa del fatto che le mie capacità siano state percepite sufficiente per il lavoro, (4) conoscente di come gli altri mi percepiscono, (5) deliziata che questa soluzione sia stata funzionale per tutti, (6) grata che non sono dovuta restare a casa in pigiama …E l’elenco potrebbe continuare. E questa è solo la mia lista; la soluzione era in realtà assolutamente fortuita, in quanto ha risolto i problemi di ben tre persone. Se volessimo usare la matematica qui, potremmo considerare l’effetto moltiplicatore come esponenziale o addirittura fattoriale (!), Moltiplicando ancora e ancora per ciascun numero nella catena di causa – effetto.

La serendipità potrebbe essere scritta come un algoritmo, in quanto è una funzione di diverse cose. Articolando ciò che sono quelle cose sarebbe un passo importante verso un meccanismo inverso. Alla fine, il mondo delle imprese cercherà di sfruttare la serendipità al servizio della produttività, di produrre in serie, di renderlo più prevedibile, ripetibile. Per tutti coloro che sinceramente vorranno tentare di fare tutto questo, auguro loro buona fortuna.

“E anche se facessimo organizzare lo studio di serendipità” ha concluso l’articolo del New York Times, “sarà sempre un’impresa stravagante, dato che il fenomeno è difficile da definire, incredibilmente variabile e difficile da acquisire nei dati. Gli indizi senza dubbio emergono dove meno ce li aspettiamo … il viaggio sarà esasperante, ma le potenziali conoscenze potrebbero essere profonde.”

Questa descrizione di serendipità – difficile da definire, incredibilmente variabile, difficile da cogliere nei dati – suona come una descrizione del coworking in sé, o almeno i suoi aspetti intangibili. E come qualcuno che lavora in un coworking sa, il suo valore è nei beni immateriali. La serendipità è solo uno di questi.

Traduzione di: Ilaria Ferramondo

Social Media Manager CoworkTalenti